Intervista al musicista/regista David Fedele. “La Luna” è il suo nuovo singolo disponibile su tutte le piattaforme digitali!

David Fedele è pianista, compositore, regista indipendente, vagabondo e sognatore. Ha iniziato a suonare il pianoforte da bambino nella sua città natale (Melbourne, in Australia) e ora vive una vita “semi nomade” viaggiando per il mondo con i suoi film e la sua musica.
Le composizioni pianistiche minimaliste e malinconiche di David si basano sulle influenze di Olafur Arnalds, Nils Frahm, Philip Glass, Yann Tiersen ed Eric Satie – ma il suo approccio e il suo suono sono freschi, ed è fortemente influenzato dai suoi viaggi e dalle esperienze di vita.
Attualmente sta cercando di espandere sempre di più i suoi orizzonti musicali nel campo della musica elettronica, tentando anche di lavorare su modi creativi particolari per combinare assieme musica e cinema in modo da creare esperienze coinvolgenti per l’ascoltatore / spettatore; cercando sempre di spingere il pubblico verso livelli più alti di coscienza, contemplazione e forse risveglio.

1. Quando hai iniziato a comporre – e cosa o chi sono state le tue prime passioni e influenze?

Credo di aver composto per la maggior parte della mia vita. Ho iniziato a suonare il piano quando avevo cinque anni e da allora ricordo anche di aver sempre composto.

Ma da adulto, ho poi fatto una lunghissima per quanto riguarda la musica. Ho perseguito altri interessi e occupazioni nella mia vita e praticamente ho smesso di suonare il piano. Quindi solo circa cinque anni fa ho ricominciato a provare a “riconnettermi” con la musica nella mia vita, e in particolare con il pianoforte.

Quindi ho iniziato a comporre da adulto negli ultimi cinque anni. Sono stato fortemente ispirato da compositori come Yann Tiersen, Philip Glass, Olafur Arnalds e Nils Frahm. Sono molto attratto dallo stile minimalista e malinconico per quanto riguarda la composizione e l’esecuzione.

Sono anche un regista, quindi ho sempre amato la musica per film e le colonne sonore.

2. A livello personale quali consideri come momenti incisivi nel tuo lavoro e / o nella tua carriera?

Ho trascorso la maggior parte degli ultimi 8 anni a realizzare documentari in tutto il mondo. Vivo uno stile di vita semi nomade, girando principalmente il mondo con i miei film. Essere sempre in movimento, senza una base, ha reso davvero difficile comporre e concentrarsi sulla mia musica. È un po’ difficile mettere un pianoforte nel mio zaino!

Quindi – i momenti più incisivi degli ultimi anni sono stati quando ho deciso di rimanere in una location per alcuni mesi, e usare questo tempo per concentrarmi davvero sulla composizione, la produzione e la pubblicazione di un album in questo periodo. Quindi negli ultimi 3,5 anni ho pubblicato indipendentemente tre album di piano solo: “A Liminal Space”, “Unrequited” e “Synapsis”. “La Luna” è il primo singolo che ho pubblicato con la Blue Spiral Records, che mi supporta molto nel mio lavoro, e non vedo l’ora di continuare a collaborare con loro.

Ho anche appena iniziato a suonare le mie composizioni dal vivo, ed è stata una grande esperienza. È facile “nascondersi” dietro la tua musica online, ma suonare realmente di fronte a un pubblico dal vivo, alimentando l’energia del pubblico e ottenere una risposta e un feedback immediati è stato molto interessante e importante per me, e mi sta facendo continuare a esplorare e sperimentare nuove strade con la mia musica.

3. Puoi dirci qualcosa sulla tua ultima pubblicazione “La Luna”?

“La Luna” è il mio ultimo singolo pubblicato dalla Blue Spiral Records. È una composizione pianistica minimalista che spero metta l’ascoltatore in uno spazio contemplativo; invitandolo a considerare la vastità dell’universo e ciò che potrebbe esistere oltre.

unnamed

4. Cosa significano per te improvvisazione e composizione e quali sono, per te, i loro rispettivi meriti?

L’improvvisazione gioca un ruolo enorme nelle mie composizioni. Tutto deve venire da un’idea e quell’idea deve quindi progredire o essere “autorizzata a fiorire”. Quindi la maggior parte dei miei brani sono il risultato diretto di una improvvisazione. In genere mi registro quando sto improvvisando, suonando con idee diverse, non preoccupandomi di perdere un’idea musicale che ho in mente. È tutto registrato, quindi posso tornare indietro in un qualsiasi punto dell’improvvisazione e far avanzare ulteriormente i temi musicali che risuonano con me.

5. Il ruolo del compositore è sempre stato soggetto a cambiamenti. Qual è la tua opinione sui compiti (ad esempio politici / sociali / creativi) dei compositori di oggi e come cerchi di raggiungere questi obiettivi nel tuo lavoro?

È una domanda molto interessante. Affinché io possa iniziare a rispondervi, devo fornire un po’ più di informazioni sul lavoro su cui mi sono concentrato negli ultimi otto anni come regista di documentari. Tutti i miei film hanno esaminato i diritti umani e le questioni ambientali in tutto il mondo, che concernono con questioni politiche e sociali.

E in un certo senso, questa è la cosa grandiosa che amo molto del comporre e creare musica: le composizioni per pianoforte che ho scritto fino ad ora sono state totalmente libere da qualsiasi messaggio politico o sociale. È qualcosa di cui avevo bisogno nella mia vita: creare arte, creare musica… dove l’unica cosa che stai cercando di fare è creare il miglior brano musicale che puoi, senza un programma politico o di altro tipo. Per me, questo, in realtà è abbastanza liberatorio.

Ma sinceramente, in futuro, vorrei esplorare diversi modi artistici per combinare film e musica, e continuare a rendere la mia arte politica e coinvolgente. Ma in modi più creativi e alternativi.

6. Che attrezzatura usi per comporre la tua musica?

Dato che sono sempre in movimento, non ho un posto o uno studio in particolare in cui compongo o registro. Devo sfruttare al meglio le attrezzature che ho dove sono in un determinato momento e fare le cose con un approccio fai-da-te. “La Luna” è stata composta e registrata utilizzando un pianoforte digitale Yamaha P45, utilizzando i suoni di “Pianoteq” e registrata direttamente sul mio MacBook Pro, utilizzando Garageband.

7. Come pensi che le composizioni contemporanee possano attirare l’attenzione di un pubblico più ampio?

Penso che questo stia già accadendo e posso citare alcune delle mie influenze come Olafur Arnalds e Nils Frahm, che stanno facendo cose molto interessanti creando musica al limite fra classica ed elettronica raggiungendo così un vasto pubblico. Internet e i social media stanno inoltre rendendo molto più semplice per le persone scoprire una gamma più ampia di musica.

8. Potresti dirci qualcosa sui tuoi progetti futuri?

Non mi piace mai essere etichettato con la mia arte e spero sempre di sperimentare e spingere oltre i confini con ciò che creo. Attualmente sto esplorando modi creativi per combinare musica e film, per creare esperienze coinvolgenti per l’ascoltatore/spettatore. Attualmente sto anche sperimentando la combinazione piano minimalista con musica elettronica, e sono davvero entusiasta di sperimentare. Il mio obiettivo è tentare di usare la mia arte per spingere le persone verso livelli più alti di coscienza, contemplazione e forse risveglio.

9. Dove possono trovare maggiori informazioni su di te i nostri lettori?

Il posto migliore per scoprire il mio lavoro (musica e film) è il mio sito web: www.david-fedele.com

Instagram: https://www.instagram.com/davidfedele01/

Facebook: https://www.facebook.com/david.fedele.92

/// ENGLISH VERSION ///

1. When did you start composing – and what or who were your early passions and influences? 

I guess I’ve really been composing most of my life. I began playing piano when I was five years old, and for as long as I remember playing, I also remember composing.

But as an adult, I took a very, very long break from both playing and composing. I pursued other interests and occupations in my life, and pretty much stopped playing the piano. Then only around five years ago I began again to try to “reconnect” with music in my life, and specifically the piano.

So I really began composing as an adult in the past five years.  I was heavily inspired by composers such as Yann Tiersen, Philip Glass, Olafur Arnalds and Nils Frahm. I very much am drawn to a minimalist and melancholic style of composition and playing.

I am also a filmmaker, so I have always loved film music and cinematic scores.

2. What do you personally consider to be incisive moments in your work and/or career?

I have spent most of the past 8 years making documentaries around the world. I live a semi-nomadic lifestyle, mainly traveling the world with my films. Being always on the move, without a base, has made it really difficult to compose and concentrate on my music. It’s a bit difficult putting a piano in my backpack!

So – the most incisive moments in the past few years have been when I have decided to stay in one location for a few months, and use this time to really concentrate on composing, producing and releasing an album in this time. So in the past 3.5 years I’ve independently released three albums of solo piano: “A Liminal Space”, “Unrequited” and “Synapsis”. La Luna is the first single that I have released with Blue Spiral Records, who are extremely supporting of my work, and I’m very much looking forward to my ongoing collaboration with them.

I’ve also just begun playing my compositions live, which has been a great experience. It’s easy just to “hide” behind your music online, but actually playing in front of live audiences, feeding off the energy of the audience, and getting an immediate response and feedback has been very interesting and important for me, and is pusing me to continue to explore and experiment with my music.

3. Can you tell us something about your last release “La Luna”?

La Luna is my latest single, released by Blue Spiral Records. It’s a minimalist piano composition that I hope puts the listener into a contemplative space; inviting you to consider the vastness of the universe, and what may exist beyond.

4. What do improvisation and composition mean to you and what, to you, are their respective merits?

Improvisation plays a huge role in my own composition. Everything must come from an idea, and that idea must then progress, or be allowed to “flourish”. So most of my songs are a direct result of improvisation ….. I generally record myself when I am improvising, just playing with different ideas ….. and recording this allows me to get into the “flow”, and not worry too much about forgetting a musical idea that I have. It’s all recorded – then I can go back through the improvisation, and further advance any of the musical themes that resonate with me.

5. The role of the composer has always been subject to change. What’s your view on the (e.g. political/social/creative) tasks of composers today and how do you try to meet these goals in your work?

It’s a very interesting question. In order for me to begin to answer this, I need to give a bit more background on the work that I have been focussing on in the past eight years as a documentary filmmaker. All of my films have been looking at human rights and environmental issues around the world, that are very engaged with political and social issues.

And in one way, that is the great thing that I very much love about composing and creating music – the piano compositions that I have written to date have been totally free of any political or social message. It’s something that I needed in my own life – to create art, to create music …. where the only thing you are trying to do is to create the best piece of music that you can … without a political or other agenda. For me, it’s actually quite liberating.

But in saying that …. In the future, I would like to explore different ways to combine both film and music, and continue to make my art political and engaging …. But in more creative and alternative ways.

6. What equipment do you use to compose your music?

As I am always on the move, I don’t have a particular place or studio where I compose or record. I have to make the most of the equipment that I have where I am at a particular time, and do things with a DIY approach. La Luna was composed and recorded using a Yamaha P45 digital piano, using sounds from “Pianoteq” and recorded directly into my MacBook Pro, using Garageband.

7. How, do you feel, could contemporary compositions reach the attention of a wider audience? 

I think that this is already happening, and I can cite some of my influences such as Olafur Arnalds and Nils Frahm …. Who are doing very interesting things at the junction of classical and electronic music … and reaching huge audiences. The internet and social media are also making it much easier for people to discover a wider range of music.

8. Could you tell us something about your future projects?

I never like to be pigeon-holed with my art, and I always hope to push boundaries with what I create. Currently I am exploring creative ways to combine music and filmmaking, to create immersive experiences for the listener/viewer. I am also currently experimenting with combining minimalist piano with electronic music …. And I’m really excited to push this much further. My aim is to attempt to use my art to push people into higher levels of consciousness, contemplation, and perhaps awakening.

9. Where can our readers find more information about you?

The best place to discover my work (Music and Film) is my website: www.david-fedele.com

Also, on Instagram: https://www.instagram.com/davidfedele01/

And Facebook: https://www.facebook.com/david.fedele.92

Orig Photo - With Grain_BW

Links utili per ascoltare “La Luna”:

Spotify ►  https://spoti.fi/2yFmaPN

iTunes ►  https://apple.co/2GRnp2O

Google Play ► http://bit.ly/2GO3C4w 

https://www.bluespiralrecords.com/laluna

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...